programmi gratis free  
   
   
   
 
 
 
 
 

 

 

 

    Come velocizzare il pc

(trucchi e idee per rendere il computer più veloce)

 


Una delle cose che da sempre gli utenti cercano di fare è 'far andare il pc' più veloce. In questa direzione sono nati negli anni vari programmi che promettono miracoli, ma che, alla resa dei conti, non procurano alcun beneficio che sia misurabile.

In realtà ci sono svariati modi per far andare il pc più veloce (a volte molto più veloce), tutti con delle controindicazioni: a volte alcune di queste controindicazioni sono trascurabili, altre volte no.

Vediamo adesso questi modi nel dettaglio:

  1. Utilizzare come disco di avvio un'unità SSD al posto di un Hard Disk tradizionale.
     
  2. Overclock (livello efficacia: estremamente efficace): Si fa salire la frequenza di CPU e FSB. E' il modo più efficace e per aumentare la velocità del pc. Richiede tuttavia un minimo di conoscenze. La guida sull'overclock che ho scritto qualche anno fa è ancora valida.
    Svantaggi: aumento dei consumi elettrici (20% e più, dipende dal livello di overclock), maggior calore e maggior usura della CPU. Impraticabile per portatili/notebook.
     
  3. RAID0 (livello efficacia: molto efficace): si tratta di mettere due o più hard disk in parallelo. La velocità di tutto quello che carica dall'hard disk va quasi a raddoppiare (idem per la scrittura), memoria virtuale inclusa.
    Svantaggi: Un po' complesso la prima volta; se si rompe uno degli hard disk del Raid0, è molto difficile recuperare i dati.
     
  4. Aumentare la Memoria RAM (livello efficacia: molto efficace): è uno dei sistemi più semplici e sicuri per aumentare le prestazioni. Purtroppo i sistemi operativi Windows a 32 bit possono raggiungere al massimo 3 GB di RAM.
    Svantaggi: fare attenzione, se si aumenta la RAM, ad evitare incompatibilità tra le RAM stesse. In caso di problemi, è utile usare programmi di test, come MemTest86+ o simili.
     
  5. Passare ad un Sistema operativo a 64 bit (livello efficacia: efficace): il vantaggio più immediato è per la RAM, che può essere subito aumentata oltre il limite dei 3GB proprio delle versioni a 32 Bit di Windows. Se si utilizzano anche programmi a 64 bit, ci dovrebbe essere anche un ulteriore vantaggio prestazionale (dico dovrebbe perché dalle mie prove sono riuscito a verificare solo vantaggi minimi, almeno per il momento).
    Svantaggi: i programmi a 64 bit che funzionano bene sono al momento (Marzo 2009) pochi. E' difficile che le cose migliorino prima di molti mesi.
     
  6. Installare il minor numero di programmi possibile (livello efficacia: medio/alta): Evitare quando possibile programmi pesanti, che aprono nuovi servizi, e disinstallare cose che non useremo mai. Se possibile, utilizzare programmi che non richiedono installazione (portable).
    Svantaggi: la curiosità di installare nuovi programmi è spesso superiore a qualsiasi altra considerazione; inoltre, a volte è necessario provare programmi più aggiornati.
     
  7. Disabilitare i servizi inutili (livello efficacia media): Windows XP e Vista hanno molti servizi che non usaremo mai. E' possibile disabilitarli, con programmi come Vista Services Optimizer.
    Svantaggi: l'utente inesperto deve andare molto piano con il disabilitare servizi, perché un giorno, magari acquistando una nuova periferica (o installando un nuovo programma), questa potrebbe non funzionare e lui non ne capirebbe la ragione.
     
  8. Usare un antivirus leggero (livello efficacia: media): come dimostrato dal confronto annuale di velocità e leggerezza antivirus di Programmifree.com, un antivirus pesante può frenare di molto le prestazioni di un pc.
    Svantaggi: a volte un antivirus è più pesante perché protegge di più (effettua controlli in tempo reale più approfonditi), e non solo perché ha funzionalità superflue.
     
  9. Usare chiavetta USB Pc Boost (livello efficacia: media): usare una chiavetta USB per aiutare i caricamenti, come il sistema ReadyBoost con Vista (per XP c'è il programma a pagamento eBoostr).
    Svantaggi: se la chiavetta USB non è molto veloce, il beneficio è minimo. Inoltre il beneficio è maggiore sui pc più datati.
     
  10. Deframmentare ogni tanto l'hard disk (livello efficacia: medio bassa): E' più che altro un aiuto indiretto per tornare alle prestazioni di qualche tempo prima. L' Hard Disk con il tempo si frammenta, e ogni tanto è opportuno deframmentarlo. Ci sono molti programmi gratis per deframmentare.
    Svantaggi: non aumenta le prestazioni, bensì -se non altro- aiuta a tornare alle prestazioni di un tempo.
     
  11. Pulizia e ottimizzazione del registro di sistema (livello efficacia: medio bassa): anche questo, è un modo indiretto per tornare alle prestazioni di un tempo. Dopo molte installazioni e disinstallazioni, infatti, il registro di sistema si riempie di chiavi inutili e si frammenta. Con alcuni programmi, è possibile rimettere tutto a posto (programmi pulizia del registro di sistema)
    Svantaggi: la pulizia del registro è a volte rischiosa. Potrebbero infatti con il tempo sorgere problemi o malfunzionamenti di alcuni programmi. Deve essere eseguita con attenzione.
     
  12. Programmi di tune up e tweak di sistema (livello efficacia: bassa): in teoria dovrebbero velocizzare il sistema attivando dei parametri nascosti di Windows. Io non sono mai riuscito a misurare questi miglioramenti, perciò non ne sono un grande sostenitore, per quanto siano programmi richiestissimi. Tra i programmi più diffusi: Advanced Windows Care, Tune Up Utilities, ecc.
    Se qualcuno riesce a trovare il modo di misurare un reale incremento di prestazioni, sarebbe utile che me lo segnalasse.