Finanza: azioni, fondi comuni, mutui
 
 
 

 

 

 

Guida all'E-commerce - pubblicità
Banner, link testuali popup, popunder

 

  • IL CLASSICO acquisto  di Banner, link testuali, popup, popunder

E' stata la scelta più popolare fin dagli albori di internet, con la differenza che all'inizio tutti o quasi cliccavano sui banner, oggi molto pochi. Il vantaggio del banner classico 468x60 è semplice: potete facilmente inserire il vostro marchio in esso (o l'indirizzo del vostro sito), di modo che molti, vedendolo più volte, se ne ricordino. Perciò si ricevono alcuni visitatori senza pagare. Inoltre ormai quasi tutti scelgono il pay per click rispetto al pay per impression, cioé si pagano solo i click realmente effettuati, dunque se i visitatori cliccano poco per voi non va neanche male.
 Certo che i webmaster esperti (quelli con i siti 'buoni') difficilmente metteranno dei banner con una URL eccessivamente visibile, proprio per questa ragione; anzi, difficilmente metteranno dei banner...

Lo svantaggio di questo sistema è che i banner sono effettivamente un sistema molto abusato, e che la loro efficacia è minima (tranne appunto per quel discorso del marchio 'branding', che magari aiuta a diffondere il vostro nome, sempre che i pacchetti di click che comprate siano a migliaia e che abbiate un nome che si ricorda facimente). Oltre a questo c'è sempre il problema dei webmaster... per quanto ci siano sistemi sofisticati di controllo, alcuni webmaster sanno trovare trucchi per fregare i controlli, e sempre ci riusciranno. Questo in genere provoca incomprensioni tra webmaster-società di pubblicità online-cliente, e le incomprensioni sono reciproche.

I link testuali hanno un tasso di click superiore rispetto ai banner, e in genere sono più accettati dai navigatori. A differenza dei banner non potete pubblicizzare bene il vostro marchio (in un banner fa molto più effetto), ma hanno una resa di clic superiore. Rimane il discorso dei clic generati in modo fraudolento, ma in genere sono una strada interessante.

Esempio è Google AdWords:

Le popup e popunder sono quelle finestre che appaiono quando il visitatore naviga (e che in genere non gradisce molto). Sono abbastanza richieste da chi cerca pubblicità, anche se in realtà la loro resa è molto bassa. Si paga per apertura di finestre. Sinceramente non lo consiglierei più di tanto, tuttavia chissà... ognuno può spendere i suoi soldi come gli pare. E poi se continuano a proporle significa che qualcosa gudagnano.

Un sistema più efficace è in genere stringere un accordo direttamente con i webmaster. Si trova un sito -che si giudica di alta qualità- in qualche modo attinente ai nostri prodotti e si cerca direttamente di contattare il webmaster, proponendogli di esporre i nostri banner, o link testuali, ecc., trovando con lui un accordo economico (noi spenderemo meno rispetto ad un'agenzia e il webmaster guadagnerà di più). Esempio: ho un'agenzia di viaggi... per farmi pubblicità potrei andare a cercare siti di ottima qualità per esempio sul tempo libero, oppure qualche sito che parla dell'Africa o dell'Asia, o magari qualcosa sulle vacanze e proporgli un accordo, magari o un banner o un link testuale in determinate pagine... una pubblicità di questo genere costa meno ed è abbastanza efficace.


Posizionamenti (motori di ricerca)
Pay per sale (pagare per i risultati)
Programmi di affiliazione (creare il proprio programma di affiliazione)